09/02/2021 - Il Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni è il migliore d’Italia (classifica di Travelers’ Choice).

L'ASSOCIAZIONE PEDIATRI ITALIANI il 05/06/2023 assegna, per il quindicesimo anno consecutivo, la BANDIERA VERDE a MARINA DI CAMEROTA per le sue spiagge "a misura di bambino".

Per il sesto anno LEGAMBIENTE assegna 5 VELE a MARINA DI CAMEROTA 10/6/2020 - COSTA DEGLI INFRESCHI E DELLA MASSETA: San Giovanni a Piro - Camerota - Palinuro - Pisciotta

CASE VACANZA SOLAR 

Via Luigi Mazzeo, 10

84059 Marina di Camerota

Per informazioni o per prenotare appartamenti, scrivete o lasciate un recapito telefonico a info@camerotamarina.it o a corola@inwind.it: sarete chiamati al più presto.  

Tel. 3200421962 whatsapp 

SIAMO SU FACEBOOK.

Cercateci su Marina Di Camerota Casavacanze

CALA BIANCA si colloca all'ottavo posto tra le dieci più belle spiagge d'Italia (classifica Travelers' Choice Beaches Awards 2017).

Maggio 2026 -  Per il quarto anno consecutivo, Legambiente assegna la BANDIERA BLU alle spiagge di Marina di Camerota

 

GUIDA BLU: Marina di Camerota tra le prime 100 località balneari d'Italia.

LUGLIO 2014Baia Infreschi la spiaggia più bella d'Italia,  ha vinto il concorso La più bella sei tu di Legambiente.

La spiaggia Cala Bianca, Regina dell'estate 2013,  ha vinto nel 2013 il concorso La più bella sei tu di Legambiente.

Prezzi convenienti per vacanze più lunghe. Offerte last-minute 

Tel: 3200421962 - 0974/932795

info@camerotamarina.it

Il Cilento

Alto Cilento - il territorio è attraversato dal fiume Alento e comprende i comuni di AgropoliCastellabate (Alano, Lago, Licosa, Ogliastro Marina, San Marco, Santa Maria, Tresino), Cicerale (e Monta Cicerale), Laureana Cilento (Archi, Matonti, San Martino), Lustra (Corticelle, Ponti Rossi, Rocca Cilento, Selva), Montecorice (Agnone, Case del Conte, Cosentini, Fornelli, Ortodonico, Zoppi), Ogliastro Cilento (Finocchito, Santa Caterina, Santa Maria della Grazia, Ginestre, Purgatorio, Terzerie-Ficocelle), Prignano Cilento (Melito, San Giuliano), Perdifumo (Camella, Mercato Cilento, Vatolla), Rutino, Serramezzana (Teodoro Mezzana, Capograssi), Sessa Cilento (Casigliano, Castagneta, Felitto Piano, San Mango Cilento, Santa Lucia, Valle) e Torchiara (Copersito, Sant'Antuono).

Cilento Centrale - è l'area circoscritta tra il massiccio del Monte Gelbison e dalla fascia costiera tra la penisola di Punta Licosa e la penisola di Capo Palinuro; comprende i Comuni di Ascea (Catona, Mandia, Terradura ed Ascea Marina), Cannalonga, Casal Velino (Acquavella, Bivio di Acquavella, Marina di Casal Velino, Vallo Scalo, Verduzio), Castelnuovo Cilento (Velina, Pantana, Salicuneta), Ceraso (Massascusa, Santa Barbara, San Biase), Gioi (Cardile), Moio della Civitella (Pellare), Novi Velia (San Paolo, Saucina), Omignano, Orria (Casino Lebano, Piano Vetrale), Perito (Perito e Ostigliano), Pollica (Pioppi, Acciaroli, Galdo, Celso, Cannicchio), Salento (Fasana, Maroccia, Palazza), San Mauro Cilento (Casalsoprano, Casalsottano, Mezzatorre), Stella Cilento (San Giovanni, Amalafede, Guarrazzano, Droro) e Vallo della Lucania (Angellara, Massa, Pattano).

 

Basso Cilento è un territorio attraversato dai fiumi Bussento, Lambro e Mingardo, che comprende la costa meridionale della Campania da Capo Palinuro fino al Golfo di Policastro.

I comuni del Basso Cilento sono Alfano, Camerota (Camerota, Lentiscosa, Licusati e Marina di Camerota), Casaletto Spartano, Caselle in Pittari (Botimare, Caporra, Marmore, Santi Caselle, Tempe), Celle di Bulgheria (Celle di Bulgheria, Poderia), Centola (Forìa, Palinuro, San Nicola, San Severino), Cuccaro Vetere, Ispani (Capitello, Ispani, San Cristoforo), Laurito, Montano Antilia (Abatemarco, Massicelle), Morigerati (Morigerati e Sicilì), Pisciotta (Caprioli, Marina di Pisciotta, Marina lido, Pedali, Rodio, Santa Caterina, Torre Gabella), Roccagloriosa (Acquavena, Gannavona), Rofrano (Abbenante, Cerreto, Fornillo, Pozzillo Borsito, Provitera, San Leo, San Menale, Tre Santi e Tre Paoli), San Giovanni a Piro (Bosco, Scario, Altieri, Gualtieri, Giuliano, Pietralba, Spineto), San Mauro La Bruca (San Nazario), Santa Marina (Lupinata, Policastro Bussentino, Poria), Sapri (Fenosa e San Giorgio), Torraca, Torre Orsaia (Castel Ruggero), Tortorella (Caselle) e Vibonati (Villammare).

Cosa vedere nel Cilento

Il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano è il secondo parco nazionale italiano per dimensioni ed è tutelato dall'Unesco come Patrimonio Mondiale dell'Umanità. 
Il Cilento è un'area di notevole interesse naturalistico, immersa  tra mare e sole, storia e leggenda, archeologia e cura dell'ambiente, tradizione e apertura alle innovazioni, tanto  da incantare gli amanti della natura e della cultura.

Oltre alle rinomate località balneari (Marina di Camerota e tutta la bellissima costiera che si affaccia sul golfo di Policastro), il Cilento è costituito da numerosi paesi e cittadine che conservano ancora, quasi intatti, monumenti e vestigia di un passato glorioso, tutto da riscoprire, e meritano di essere visitate:
- Camerota capoluogo, con il suo castello medievale e le tipiche trattorie;
- Palinuro, rinomato centro con il porto e le famose grotte;
- il borgo medievale di San Severino (frazione di Centola).
- il vecchio abitato di Roscigno (la "Pompei del 2000"), dove è stata trovata una tomba principesca, risalente ad alcuni secoli a.C.;

- Morigerati con l'Oasi e le Grotte del Bussento; 

- Casaletto Spartano, con l'Oasi in cui si possono ammirare le Cascate dei Capelli di Venere;
- Tortorella, piccolo feudo che, nel 1267, appoggiò la discesa in Italia di Corradino di Svevia. Presenta vicoli, portali in materia calcarea, porte antiche, cortili e torri. La meta di maggior attrazione è il centro storico, con il Castello Marchesale Carafa-Stadera.
- gli scavi di Velia (nei pressi di Ascea), che hanno portato alla luce l'antica Elea della Magna Graecia, in cui, alcuni secoli avanti Cristo, sorse una delle prime grandi scuole di filosofia, detta appunto "eleatica". Il principale pensatore di questa scuola fu Parmenide, il filosofo dell' "Essere".
- il grazioso borgo di Bosco, frazione di San Giovanni a Piro, dove potrete ammirare un grande pannello di maioliche, raffigurante l'incendio borbonico, realizzato dal grande pittore Josè Ortega, amico di Picasso, di cui potrete visitare anche la casa e la pinacoteca.